PD Marche: \'Simoncini ignora le più elementari norme che disciplinano un Comune\'

13/06/2009 - \'Simoncini si candida a fare il Sindaco di Osimo ignorando le norme elementari che regolano l\'attribuzione del premio di maggioranza al Sindaco eletto.\' 

Incredibile ma vero!

Simoncini si candida a fare il Sindaco di Osimo ignorando le norme elementari che regolano l\'attribuzione del premio di maggioranza al Sindaco eletto.

Con sfrontatezza il candidato Simoncini ha ripetutamente sostenuto che la sua coalizione avrà il premio di maggioranza \"anche se perderemo entreremo in Consiglio Comunale comunque con 10 uomini ( la metà dei consiglieri assegnati ndr) perché la nostra lista ha superato il 40% al primo turno\".

La sua esternazione continua affermando che per governare Paola Andreoni, candidata del PD, \"sarà costretta ad una alleanza con il PDL.\"


Niente di più falso!

Ignoranza o volontà pervicace di ingannare gli elettori, forse per paura di perdere le elezioni ?


La norma che disciplina l\'assegnazione del premio di maggioranza al Sindaco eletto al secondo turno è chiarissima e non lascia spazi ed equivoci. Lo ha ribadito anche il Vice Prefetto Ognissanti.

\"Qualora un candidato alla carica di Sindaco sia proclamato eletto al secondo turno, alla lista o al gruppo di liste ad esso collegate che non abbia già conseguito almeno il 60% dei seggi del Consiglio, VIENE COMUNQUE ASSEGNATO il 60% dei seggi, sempreché nessuna altra lista o altro gruppo di liste collegata al primo turno abbia già superato nel turno medesimo il 50% dei voti validi. I restanti seggi vengono assegnati alle altre liste o gruppi di liste collegate\".

E\' troppo chiedere a chi come Simoncini ha ricoperto per anni l\'incarico di Vice Sindaco ed oggi si candida a fare il Sindaco di conoscere l\' a b c dell\'ordinamento che disciplina il funzionamento del governo locale?

C\'è da fidarsi di chi si candida a portarvi con un mezzo pubblico da Osimo ad Ancona e non sa come fare per frenare il mezzo che guida ?


Credo che sia opportuno che Simoncini riconosca di aver ripetutamente sostenuto ciò che non è previsto da nessuna norma di legge e chieda scusa agli osimani ed alla candidata Paola Andreoni e che si impegni, d\'ora in poi, ad un confronto dialettico senza ricorrere a meschinità e senza più dire bugie.


Ufficio Elettorale PD Marche






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-06-2009 alle 15:17 sul giornale del 13 giugno 2009 - 1822 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, paola andreoni, stefano simoncini, liste civiche, elezioni comunale osimo 2009, ballottaggio osimo


elettore stanco di leggere tante baggianate inutili

Commento sconsigliato, leggilo comunque

demetrio

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento sconsigliato, leggilo comunque

e\' vero la legge 273/2000 art 73 comma 10 stabilisce quanto asserito dal PD. Una recente sentenza della cassazione ha stabilito che incaso di apparentamento di una lista, che ha suprato il 3/%, con la lista vincente al ballottaggio non ha diritto al seggio sre questo significa togliere il valore del 60/% alla lista vincente che deve avere la sua maggioranza nel suo interno. Non sesmpre quindi, nel caso l\'UDC e Osimo più avrebbe diritto al seggio.

Gianluca Ferroni

Commento sconsigliato, leggilo comunque