Gratta e vinci falsi in 17 regioni, denunciate 177 persone

2' di lettura 12/06/2009 - Denunciate 177 persone in 17 Regioni, in cui i Carabinieri di Osimo hanno sequestrato 150 mila tagliandi del gratta e vinci falsi.

L\'operazione dei Carabinieri, che ha coinvolto 17 Regioni, ha scoperto una maxi truffa connessa allo smercio di falsi biglietti gratta e vinci.


Delle 177 persone denunciate, 79 sono state accusate di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, truffa allo Stato, frode in commercio ed esercizio abusivo dell\'attività di gioco mentre le restanti 98 dovranno rispondere di concorso in truffa e truffa allo Stato, frode in commercio ed esercizio abusivo dell\'attività di gioco. Sono stati sequestrati 150 mila biglietti gratta e vinci falsi per un valore totale di 250 mila euro.


Al momento le indagini sono ancora in corso e rimangono ignote le menti a capo della gigantesca truffa. Sono coinvolte almeno una ventina di società \"virtuali\" ovvero prive di sede fisica.


L\'inchiesta ha avuto origine un anno fa dalla denuncia di un barista di Filottrano. L\' uomo, infatti, aveva venduto tagliandi vincenti di una lotteria istantanea, ma la società incaricata di pagare i premi era risultata inesistente. Questo ha messo immediatamente in moto i Carabinieri di Osimo, che, coadiuvati dal comando di Ancona, hanno accertato in breve tempo l\'entità nazionale della truffa, e hanno condotto le indagini in sinergia con i comandi dell\'Arma di diverse regioni italiane.


I gratta e vinci originali e \"sicuri\" presentano 4 elementi: il logo Gratta e Vinci, il logo Monopoli di Stato, il logo Consorzio Lotterie Nazionali, il logo Gioco Sicuro. I gratta e vinci che non presentano questi quattro simboli sono falsi e vanno segnalati ai Carabinieri.


Nella foto: in rosso i quattro elementi presenti nei gratta e vinci originali








Questo è un articolo pubblicato il 12-06-2009 alle 17:18 sul giornale del 12 giugno 2009 - 2223 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, gratta e vinci, Sudani Alice Scarpini, contraffazione, carabinieri di osimo





logoEV