1° trimestre 2009: dimezzate le iscrizioni di imprese artigiane rispetto al 2008

2' di lettura 21/05/2009 - I dati del primo trimestre 2009 riguardo le iscrizioni nel Comune di Osimo delle imprese artigiane (14 aziende) all\'Albo testimoniano rispetto allo stesso periodo del  2008 (28 aziende) un calo importante del 50% che deve senz\'altro far riflettere, proseguendo un trend negativo: anche nell\'anno 2008 avevano aperto 89 imprese artigiane contro le 99 del 2007...

I dati del primo trimestre 2009 riguardo le iscrizioni nel Comune di Osimo delle imprese artigiane (14 aziende) all\'Albo testimoniano rispetto allo stesso periodo del 2008 (28 aziende) un calo importante del 50% che deve senz\'altro far riflettere, proseguendo un trend negativo: anche nell\'anno 2008 avevano aperto 89 imprese artigiane contro le 99 del 2007.

La gravità della crisi economica quindi richiede urgenti misure volte al rilanciodell\'economia ed alla crescita della domanda interna. In questo contesto - sottolinea Ivano Gardoni, Segretario comunale della Confartigianato di Osimo - anche le Istituzioni locali come i Comuni possono dare un fattivo contributo alla ripresa.


La Confartigianato individua nella concertazione uno strumento prioritario per il superamento delle difficoltà economiche che stiamo vivendo e pertanto ritiene prioritario continuare a portare avanti un confronto con la futura Amministrazione comunale sull\'azione amministrativa.


La campagna elettorale per le elezioni comunali siano anche occasione di riflessione - continua Ivano Gardoni - per lo sviluppo del territorio attraverso:


  1. il coinvolgimento delle imprese locali nella realizzazione delle opere pubbliche
  2. razionalizzazione delle spesa corrente e riduzione della tassazione locale
  3. completamento della Strada di bordo e sistemazione della viabilità
  4. rivitalizzazione del Centro storico e realizzazione di parcheggi pertinenziali
  5. aumento della vocazione turistica della città di Osimo
  6. incentivazione di una politica delle sicurezza per il territorio
  7. lotta all\'abusivismo e al lavoro nero


Infine occorre una politica creditizia che non faccia mancare il sostegno e la liquidità alle imprese senza irrigidire le procedure per gli affidamenti.

Confartigianato è disponibile a forme reciproche di collaborazione con la futura Amministrazione comunale affinché si ponga nell\'ottica più generale dello sviluppo economico territoriale.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-05-2009 alle 18:53 sul giornale del 21 maggio 2009 - 973 letture

In questo articolo si parla di confartigianato, economia, osimo, ancona, ivano gardoni





logoEV