Bitumificio: la Provincia comunica che tutti i documenti sono in regola

2' di lettura 20/05/2009 - Si rende noto che la Provincia di Ancona ha comunicato per conoscenza al Comune di Osimo che tutti gli elaborati trasmessi in ordine ai lavori di realizzazione dell\'impianto di produzione di calcestruzzo e conglomerato bituminoso della ditta Calamante \"sono risultati conformi alle norme tecniche emanate ai sensi del dpr 06/06/2001 n. 380 artt. 52 e 83\".

Si rende noto che la Provincia di Ancona, con lettera del Dipartimento Controllo del Territorio (prot. n. 37681) del 13 maggio 2009, firmata dagli ingegneri Alessia Giulia Brecciaroli e Roberto Renzi, ha comunicato per conoscenza al Comune di Osimo che tutti gli elaborati trasmessi in ordine ai lavori di realizzazione dell\'impianto di produzione di calcestruzzo e conglomerato bituminoso della ditta Calamante \"sono risultati conformi alle norme tecniche emanate ai sensi del dpr 06/06/2001 n. 380 artt. 52 e 83\". A seguito di un sopralluogo, la Provincia di Ancona ha inoltre dichiarato la conformità dei lavori eseguiti al progetto presentato.

Nell\'occasione, la Provincia ha anche comunicato che è di spettanza del Comune di Osimo eseguire eventuali controlli sul cantiere per la verifica del mantenimento della conformità delle opere.

Sempre dalla Provincia di Ancona, è stato trasmesso al Comune di Osimo il Piano delle Alienazioni dei Beni Immobili, in cui è inserita la vendita dell\'ex Itc Corridoni di Osimo.

E\' importante far notare che la Provincia di Ancona ha previsto, quali possibili future destinazioni del complesso: abitazioni, ritoranti, bar, trattorie, medie strutture di vendita per commercio al dettaglio, complessi per terziario, con aumento del volume del 10 per cento, da attuare tramite piani di recupero e anche mediante modifiche di altezze interpiano.

Ringraziamo la Provincia di Ancona che con queste scelte, da un lato certifica la validità dei piani di recupero del Comune di Osimo nel Centro Storico, che si collocano tutti sulla falsariga di queste indicazioni; e da altro lato che di fronte alla monetizzazione di un bene immobile, la Provincia di Ancona non guarda in faccia al fatto che lo stabile sia di pubblico interesse.

Per fortuna che l\'approvazione del nuovo cambio di destinazione urbanistica è di competenza del Comune di Osimo, che si è già espresso - e lo farà anche in seguito - perché non vi sia trasformazione alcuna della attuale destinazione.

In sostanza, con due soli provvedimenti, la Provincia dà ragione alle attività del Comune di Osimo; inoltre da ora in poi e non può più porsi come guardiano dell\'ambiente, essendosi palesata agli occhi di tutti come ente che mira prima di tutto alla cura dei propri interessi.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-05-2009 alle 12:56 sul giornale del 20 maggio 2009 - 1030 letture

In questo articolo si parla di attualità, provincia di ancona, osimo, passatempo, Comune di Osimo, bitume





logoEV