Canile: l\'Associazione Amici Animali non ci sta

cane 16/02/2009 - Non basteranno i toni pseudo-conciliatori e il debole e poco convincente tentativo del Sindaco Latini di placare la polemica relativa alla nuova assegnazione dei cani randagi di Osimo al gestore Erbacci-Cola....

Non basteranno i toni pseudo-conciliatori e il debole e poco convincente tentativo del Sindaco Latini di placare la polemica relativa alla nuova assegnazione dei cani randagi di Osimo al gestore Erbacci-Cola.


Se l\'annunciato prossimo sopralluogo al canile Lilly e i vagabondi 2, ha intenzione di farlo con le medesime \"autorità competenti\" che furono presenti, si presuppone, prima che Lui stesso rilasciasse regolare autorizzazione nel 2001, e idem per il canile Lilly e i vagabondi 1, autorizzato nel 1999 e chiuso nel 2006, dopo visita dei NAS e relativa Ordinanza dello stesso Latini (dopo anni di nostre segnalazioni e denunce), sinceramente può risparmiare tempo e denaro, perché a noi non serve.


La questione del canile di Osimo è già passata a più alti livelli dei Suoi, quelli di fatto realmente competenti in materia.


Abbiamo inoltre attivato un confronto con l\'ufficio del Sottosegretario alla Salute Onorevole Francesca Martini che si é mostrata interessata a verificare se quanto proposto dal Sindaco sia regolare.


Latini si sbaglia quando dice che aveva il nostro consenso all\'acquisto di detto canile nell\'agosto 2008. Sin dal nascere della Sua proposta abbiamo palesato la nostra posizione negativa. Un prezzo esagerato per una struttura così piccola e così mal posizionata. Mancanze gravi come lo sgambatoio pressoché inesistente, l\'ambulatorio che per legge deve essere funzionante e perfettamente attrezzato e che lì non c\'è. Box completamente scoperti dove i cani gelano d\'inverno e arrostiscono d\'estate.


Di contro ci fu sempre detto che, una volta acquistato l\'immobile, il comune o chi per lui, avrebbe sistemato ogni cosa, comprando addirittura altri due ettari del terreno circostante per allargare la struttura così deficitaria allo stato attuale. Per non parlare della gestione, che non sarebbe certo stata quella Erbacci-Cola, ma comunale a braccetto con i volontari della nostra Associazione. Altro che consenso! Tavolo di concertazione? Non esistono tavoli di concertazione con l\'attuale Sindaco, ma solo tavoli in cui tutto è già stato da lui prestabilito e programmato a priori. O se esistono, ma lui non é d\'accordo, si alza e se ne va.


Strumentalizzazione politica? In dieci anni di mandato da Sindaco non ha mai ottemperato alla Legge 281 del 1991 che all\'articolo 4 obbliga i comuni alla costruzione di rifugi per cani nel rispetto dei criteri stabiliti con legge regionale e avvalendosi dei contributi destinati a tale finalità dalla regione. Ma ha sempre favorito gestione di privati. Prima con i due canili gestiti per anni da Erbacci-Cola e poi con il canile in costruzione di Passatempo da parte della Ditta Tecnovet.


Ma come fa a dire che mai nessuno in passato aveva contestato relativamente alla assegnazione di bandi di gara? Con tutte le lettere che la nostra associazione ha inviato in Comune ci si potrebbero tappezzare tutte le stanze municipali a mo\' di carta da parati. Lo stesso Latini in molte occasioni passate ci disse di evitare di scrivere lettere su lettere perché gli archivi comunali ne erano stracolmi.


Solo ora ci accorgiamo che un conto è riceverle un conto è leggerle e recepirle.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-02-2009 alle 14:26 sul giornale del 16 febbraio 2009 - 1874 letture

In questo articolo si parla di animali, attualità, osimo, dino latini, amici animali, canile, cani, gatti, animalisti


mario

Strumentalizzazione politica? Il Sindaco e le autorità competenti hanno mai visto come soprav\"vivono\" i cani in certi canili? Malnutriti, non curati, pieni di parassiti, catarrosi, infreddoliti od arrostisti a seconda della stagione, inferociti da una convivenza impossibile, chiusi 24 al giorno, 365 giorni alla settimana in celle minimali luride e putride ...<br />
L\'importante è che siano lontani dalla vista perchè tanto si sa: lontano dagli occhi, lontano dal cuore.<br />
A meno che non si avvicinino le elezioni ...