Prg, comitato difesa del territorio: i consiglieri facciano il loro dovere o si dimettano

4' di lettura 23/04/2008 - E\' tempo che i Consiglieri Comunali eletti in rappresentanza dei cittadini, in particolare quelli di opposizione,  finalmente si sveglino e si rendano conto della grande responsabilità che in questo delicato momento assumono nei confronti di tutta la comunità osimana, e buttino alle ortiche i loro timori, le loro pusillanimità i loro opportunismi, i loro calcoli politici: ricordiamo loro che, nel caso in cui ritengano di non poter fare appieno il loro dovere, possono, anzi, debbono dimettersi.

I cittadini osimani stanno assistendo stupefatti alla virulenta polemica montata dal Sindaco nei confronti della Provincia di Ancona, dei suoi dirigenti e della sua Presidente.

Mai in passato si era visto nulla di simile e mai si era venuta a creare una situazione così incresciosa tra organi istituzionali, il cui unico scopo è - o dovrebbe essere - quello di amministrare concordemente e nel migliore dei modi la cosa pubblica.

Crediamo che l\'amministrazione comunale, con questa ultima alzata di ingegno, abbia davvero passato il limite: eppure, gli unici a farsi portavoce dello sdegno della cittadinanza sono solo i comitati. I consiglieri comunali, segnatamente quelli di opposizione, tacciono; le forze politiche, come se non esistessero.


Sono otto anni che Latini governa Osimo; sono otto anni che le opposizioni stendono stuoie rosse dove cammina.

La scusa è sempre la stessa: \"Più che votare contro in consiglio comunale, non possiamo fare\"; innanzitutto, questo non è stato sempre vero, basti pensare che l\' adozione della variante al piano regolatore è stato approvato grazie all\'assenza strategica di consiglieri di opposizione, e che le controdeduzioni ai rilievi della provincia al PRG sono state approvate in consiglio grazie alla fuga vera e propria di due rappresentanti dell\'opposizione al momento del voto, oltre che all\'assenza di un consigliere non si sa bene se di maggioranza o di opposizione che, sino ad un minuto prima, aveva criticato su ogni organo di stampa il piano regolatore; e poi, è evidente a tutti che il COMITATO CITTADINO apartitico con ideali forti, molto entusiasmo, in pochi mesi ha saputo difendere le proprie ragioni in modo incomparabilmente più efficace dei carezzevoli balbettii con cui le opposizioni hanno difeso le loro.


E\' tempo che i Consiglieri Comunali eletti in rappresentanza dei cittadini, in particolare quelli di opposizione, finalmente si sveglino e si rendano conto della grande responsabilità che in questo delicato momento assumono nei confronti di tutta la comunità osimana, e buttino alle ortiche i loro timori, le loro pusillanimità i loro opportunismi, i loro calcoli politici: ricordiamo loro che, nel caso in cui ritengano di non poter fare appieno il loro dovere, possono, anzi, debbono dimettersi.


Quanto specificamente ai consiglieri di maggioranza è tempo che la smettano di avallare decisioni che sanno benissimo si riveleranno, un giorno, dannose per la città: se il prossimo 23 aprile voteranno a favore del piano regolatore, creeranno le premesse per un contenzioso devastante e dall\'esito segnato che coinvolgerebbe tutta la cittadinanza.


La città di Osimo ha bisogno rappresentanti combattivi, preparati, che agiscano soltanto per il bene comune; è stanca di fare brutta figura nei confronti della Istituzioni e nei confronti dei paesi vicini che un tempo guardavano ad Osimo con ammirazione e come esempio di buona amministrazione da seguire.


Il Presidente del Consiglio Comunale, seconda carica istituzionale del comune di Osimo, prima di inserire argomenti all\'ordine del giorno su semplice richiesta del sindaco, deve vigilare attentamente e verificare se quanto gli viene richiesto è conforme alla Legge e fa gli interessi della città oppure, come spesso è accaduto, serve per avallare una politica a dir poco spregiudicata e non rispettosa delle osservazioni e delle limitazioni che organismi superiori, nell\'interesse di tutti i cittadini, avanzano a termini di Legge.


Il Comitato Cittadino per la difesa dell\'Ambiente e del territorio composto da persone che liberamente hanno scelto di fare gli interessi di tutti i cittadini, si batterà con ogni mezzo legale a sua disposizione affinché nel comune di Osimo venga ripristinata al più presto la legalità, il rispetto delle regole, la trasparenza e la buona amministrazione.


da Comitato cittadino per la difesa ambiente e territorio




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 23 aprile 2008 - 988 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, osimo, Comitato Cittadino per la difesa ambiente e territorio