Prg, Casagrande: il Comune discute sulla forma e non sulla sostanza

Patrizia Casagrande Esposto 1' di lettura 24/04/2008 - La Casagrande ha affermato di essere sconcertata dal fatto che il Comune \"riduce tutto a una questione di date, senza considerare quali effetti potrebbero scaturire votando la variante senza i nostri rilievi e il nostro parere di conformità a Ptc e Ppar\" e boccia il gesto di Latini definendolo un atto di \"miopia politica\".

La presidente della Provincia Patrizia Casagrande Esposto non ha mezze parole per il comportamento tenuto dall\'amministrazione Latini in merito alla questione del PRG.


Una non coincidenza di date ha portato il Comune a inserire tra i punti dell\'Odg del consiglio comunale di questo mercoledì la variante al PRG senza tenere però in considerazione il parere provinciale del 25 Marzo.


La Casagrande ha affermato di essere sconcertata dal fatto che il Comune \"riduce tutto a una questione di date, senza considerare quali effetti potrebbero scaturire votando la variante senza i nostri rilievi e il nostro parere di conformità a Ptc e Ppar\" e boccia il gesto di Latini definendolo un atto di \"miopia politica\".


Ci può anche essere stata una incongruenza di date ma \"quello che non c\'è stato è proprio il silenzio della Provincia che ha formulato il parere definitivo con rilievi il 25 Marzo\".


La Provincia annuncia già che se il Prg sarà approvato senza rilievi lo impugnerà subito al Tar; potrebbero anche scattare azioni di tutela in atti amministrativi, istanze civili per danni e denunce penali contro i consiglieri che voteranno a favore.









Questo è un articolo pubblicato il 24-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 23 aprile 2008 - 1102 letture

In questo articolo si parla di attualità, michela sbaffo