Celebrato il XXV di ordinazione sacerdotale di mons. Claudio Giuliodori

mons giuliodori 3' di lettura 22/04/2008 - Da www.chiesamarche.org Agenzia giornalistica on-line riceviamo e ben volentieri divulghiamo la notizia della celebrazione del XXV di ordinazione sacerdotale di S.E. Mons. Claudio Giuliodori, Vescovo di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia, avvenuta lo scorso mercoledì 16 aprile nella Cattedrale di Osimo (AN) sua città natale. All\'organo il confratello Maestro Andrea Carradori.


Attorniato da una decina di concelebranti, mons. Claudio Giuliodori ha presieduto la Liturgia alle ore 19.00 di Mercoledì 16 Aprile nella Cattedrale di Osimo, la stessa in cui 25 anni fa veniva ordinato sacerdote. Il benvenuto iniziale gli è stato rivolto dal Vicario Generale dell\'Arcidiocesi di Ancona-Osimo, mons. Roberto Peccetti. I canti erano animati dal Coro dei Giovani della Parrocchia San Carlo, di cui era originario il Celebrante, mentre i pezzi d\'organo erano suonati dal M° Andrea Carradori.


Nell\'Omelia, mons. Giuliodori ha ripercorso la sua vita cristiana dal suo Battesimo fino al momento attuale, accompagnato dall\'intervento della Grazia di Dio. Il Vescovo ha considerato tutta la sua dimensione sacerdotale in relazione con la realtà sociale, sportiva, culturale, familiare, e anche con i diversamente abili, oltre che con le Comunicazioni Sociali: grazie a questa esperienza, ha avuto l\'opportunità di essere inserito in una dimensione mondiale e di conoscere moltissime persone in altrettanti contesti diverso.


Nel suo impegno ministeriale è stato vicino alle persone nelle varie realtà che la vita offre, felici e meno felici, spesso raccogliendo le lacrime di coloro che erano nella sofferenza: mons. Giuliodori si è augurato di spendere tutto il suo impegno cristiano da Vescovo nel ministero che la Chiesa gli ha chiesto. Più volte - ha ricordato - nelle sue esperienze lo Spirito gli ha offerto l\'opportunità per incontrare e per crescere.


Tra le preghiere dei fedeli, la sorella Cristiana ha ringraziato Dio per il dono che ha fatto alla sua famiglia la presenza di un sacerdote. Alla Celebrazione erano presenti i familiari, molti amici, rappresentanti della Diocesi di Macerata e le autorità cittadine di Osimo. La preghiera conclusiva del Celebrante ha toccato elementi che mons. Claudio aveva esposto nella sua riflessione: \"Fa\', o Signore, che esprima nella vita il mistero che celebro sull\'altare\".


Terminata l\'Eucarestia, l\'intervento del parroco del Duomo di Osimo, don Quirino, ha ripercorso la storia del suo rapporto con mons. Giuliodori, quando erano parroco e viceparroco in San Marco, ad Osimo, ricordando eventi e sottolineando fatti curiosi. In conclusione, l\'ex presidente dell\'Osimana Calcio, signor Silvano Principi, ha offerto al Vescovo una coppa in cristallo con all\'interno un pallone da calcio (in foto a destra): nel frattempo don Quirino sottolineava i tre goal realizzati alcuni mesi fa da mons. Giuliodori durante la partita del cuore tra i preti e la Nazionale Cantanti allo Stadio del Conero. Tra applausi ed espressioni di gioia e di affetto, la cattedrale gremita di fedeli si è svuotata lentamente.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 22 aprile 2008 - 3150 letture

In questo articolo si parla di chiesa, religione, attualità, confraternite delle marche, claudio giuliodori