Canile, Latini: il nostro impegno per un canile comunale

cane 1' di lettura 12/04/2008 - L\'impegno assunto da parte dell\'amministrazione era quello di realizzare un canile comunale in un sito diverso e cercare di convincere la ditta interessata alla costruzione del canile a desistere. Ciò che per quanto riguarda il primo aspetto sta avvenendo con certezza e per quanto riguarda il secondo aspetto vi sono tutte le possibilità di un accordo per giungere ad un positivo accordo.

Per quanto riguarda il canile privato di Passatempo si precisa ancora a seguito dei chiarimenti circa la procedura dello sportello unico necessariamente utilizzata a seguito della richiesta che non vi è discrezionalità possibile da parte del Sindaco e della Giunta nella scelta. Dispiace quindi che la questione, ormai sopita su questo punto, sia stata riaperta pubblicamente dal presidente del Consiglio di Quartiere che ha tentato di nuovo di buttare le colpe sul Comune di Osimo. Così non è. Del resto la sentenza del TAR delle Marche da ragione proprio alla legittimità degli atti compiuti (indipendentemente dalla valutazione nel merito della questione).


L\'impegno poi assunto da parte dell\'amministrazione, tramite me, era quello di realizzare un canile comunale in un sito diverso e cercare di convincere la ditta interessata alla costruzione del canile a desistere. Ciò che per quanto riguarda il primo aspetto sta avvenendo con certezza e per quanto riguarda il secondo aspetto vi sono tutte le possibilità di un accordo per giungere ad un positivo accordo. Ciò che quanto avvenuto di recente e quanto dichiarato da alcuni (probabilmente strumentalmente proprio per evitare la soluzione positiva del problema) tende invece ad allontanare, compromettendone l\'esito positivo per sempre.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 12 aprile 2008 - 2187 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, dino latini, passatempo, canile, Comune di Osimo





logoEV