Astea, Latini: il comune di Osimo non ha mai fatto parte del Centro Marche acque s.p.a

1' di lettura 12/04/2008 - Astea: il comune di Osimo non ha mai fatto parte direttamente del Centro Marche acque s.p.a. Il tentativo che si è messo in piedi è quello che indirettamente si desse atto di farne parte senza aver compiuto i provvedimenti propedeutici. Ecco perché il Comune ha scelto di dichiarare di essere fuori da tale procedura.

Astea: il comune di Osimo non ha mai fatto parte direttamente del Centro Marche acque s.p.a. Il tentativo che si è messo in piedi è quello che indirettamente si desse atto di farne parte senza aver compiuto i provvedimenti propedeutici. Ecco perché il Comune ha scelto di dichiarare di essere fuori da tale procedura, rimanendo disponbile ad avviarne una ex novo per la costituzione della società per la gestione del servizio idrico integrato, pur rimanendo in attesa delle decisione dell\'A.A.T.O. 3 Marche sull\'assegnazione diretta di tale servizio all\'Astea s.p.a. in regime ventennale di salvaguardia.


Per quanto riguarda gli altri punti all\' ordine del giorno il legale rappresentante della Astea s.p.a. si è comportato in base agli indirizzi a suo tempo assunti e deliberati. Ricordo che neanche la partecipazione all\'aumento di capitale di 6 milioni di euro del 28 febbraio 2004 è stata compiuta con una procedura diversa. Segnalo che la richiesta di convocazione di una assemblea dell\'Astea entro il 31 dicembre 2007 da parte del Comune di Osimo per decidere proprio sulla questione del servizio idrico integrato non si è tenuta perché non venne convocata dal presidente.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 12 aprile 2008 - 1212 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, astea, dino latini, Comune di Osimo





logoEV