CNA: la opere pubbliche fattibili solo grazie alla buona politica

2' di lettura 14/03/2008 - La CNA Commercio e Turismo esprime soddisfazione per le parole dell\'Assessore Virili sia per il via ai lavori della Rotatoria di S. Rocchetto sia per le affermazioni che confermano le precedenti dichiarazioni del Vice Presidente Sagramola e del Presidente Casagrande sul parere contrario al centro di Monte Camillone.

La CNA Commercio e Turismo esprime soddisfazione per le parole dell\'Assessore Virili sia per il via ai lavori della Rotatoria di S. Rocchetto sia per le affermazioni che confermano le precedenti dichiarazioni del Vice Presidente Sagramola e del Presidente Casagrande sul parere contrario al centro di Monte Camillone, un no che sembra ormai togliere tutti i dubbi sulla possibilità di costruire un centro commerciale estremamente impattante.


Le ragioni del parere negativo della Provincia di Ancona sono estremamente chiare: la zona Sud della Provincia è fortemente urbanizzata, con una elevata presenza di strutture della Grande Distribuzione Organizzata e soprattutto con un sistema viario che oramai è al collasso. Per tale ragione non sembra assolutamente possibile promuovere la costruzione di un altro grande centro commerciale con il solo scopo di costruire quelle opere pubbliche che invece possono essere fatte con la buona politica.


\"Come CNA Commercio e Turismo esprimiamo grande soddisfazione per l\'impegno della Provincia nei confronti della rotatoria di S. Rocchetto, un esempio di come la buona politica possa rispondere ai cittadini senza la necessità di distruggere il territorio. Siamo convinti che le dichiarazioni della Virili, Sagramola e Casagrande abbiano definitivamente chiuso il discorso sulla possibilità di costruire un altro centro commerciale in zona Monte Camillone - ha dichiarato Maurizio Gentili, presidente della CNA Commercio e Turismo - A questo punto non rimane che comprendere quale può essere un progetto alternativo. Un progetto che però non può non tenere conto dei rilievi mossi dalla provincia di Ancona e da tutte le associazioni di categoria, in particolare quella di una impossibilità di inserire un altro grande marchio della distribuzione organizzata alimentare in quella zona\".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 marzo 2008 - 1131 letture

In questo articolo si parla di attualità, commercio, provincia di ancona, viabilità, turismo, patrizia casagrande esposto, cna, ancona sud, carla virili





logoEV