''Vita indipendente'': un aiuto per i disabili soli

1' di lettura 30/11/-0001 -
Il progetto “Vita indipendente” permetterà ai disabili in età lavorativa (dai 18 ai 65 anni), che vivono da soli o con familiari anziani in precarie condizioni di salute, di accedere a dei contributi con cui assumere regolarmente e pagare un assistente personale di propria scelta.

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it


Vivere autonomamente grazie al frutto del proprio lavoro è una difficile conquista per chi abbia una grave disabilità motoria.

Il progetto “Vita indipendente”, promosso dalla Regione in sinergia con l’Ambito Territoriale Sociale n.13 (cui appartengono: Camerano, Castelfidardo, Loreto, Numana, Offagna, Osimo, Sirolo), permetterà ai disabili in età lavorativa (dai 18 ai 65 anni), che vivono da soli o con familiari anziani in precarie condizioni di salute, di accedere a dei contributi con cui assumere regolarmente e pagare un assistente personale di propria scelta.

L’ambito territoriale destinerà alla copertura dei piani personalizzati la somma di €23.444,44 (finanziata per il 75% dalla Regione e per il 25% dagli enti locali).

Le domande di contributo devono essere presentate dagli interessati al proprio comune di residenza entro e non oltre il 15 Dicembre.

Modulo di richiesta e bando possono essere reperiti presso l’ufficio Servizi Sociali del proprio comune di residenza o sul sito internet del Comune di Osimo www.comune.osimo.an.it (comune capofila dell’Ambito Territoriale Sociale n.13).





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 novembre 2007 - 1419 letture

In questo articolo si parla di





logoEV