Calcio, primo capitombolo per l’Osimana. Sorprende il San Biagio

4' di lettura 30/11/-0001 -
La Passatempese vince nel recupero contro il Comunanza una sfida delicata. L’Osimana capitola in casa nel derby con la Castelfrettese. In Prima vola il San Biagio, alla seconda vittoria consecutiva, mentre l’Osimo Stazione impatta a Castelfidardo.

di Giacomo Quattrini
redazione@vivereosimo.it


Primo vero dispiacere per l’Osimana, che perde immeritatamente il derby contro la Castelfrettese. Al Diana arriva una sconfitta amara e inaspettata contro una formazione giovane e in grande ascesa. Dopo il Bikkembergs Fossombrone è toccato ai giallorossi: è Castelfrettese ammazzagrandi. Il team di Lelli si conferma ancora una volta sciupone sotto rete e paga un errato rinvio di Ruspantini che ha consentito agli ospiti di infilare da 30 metri il gol decisivo a metà ripresa firmato Ciabattoni.

Un’Osimana apparsa poco concreta nelle ultime uscite, per’altro uscite importanti in derby sentiti, e ciò ha compromesso una classifica da primato. Le prime comunque rallentano tutte e se l’obiettivo di stagione è quello di rimanere in zona playoff allora ci siamo, nonostante la vittoria manchi da quasi un mese.

Niente drammi quindi, anche perché la società ha ribadito che se necessario tornerebbe anche sul mercato. Ma al momento sembra prematuro, in virtù anche del fatto che alcune operazioni sono state già compiute come ad esempio il ritorno di Agushi e la cessione di Tedesco al Marina.

In Promozione primo hurrà passatempese. Nella partita che sapeva già di spareggio contro il Comunanza, anch’esso ultimo a 4 punti, i gialloblu vincono una sfida al cardiopalma, dove la porta avversaria sembrava per l’ennesima volta stregata. Un rigore fallito da Gasparrini e occasioni mancate Toso e Attili. La paura dell’ennesimo 0-0 e di veder saltare addirittura la panchina di mister Gasparini.

Invece Storani salva tutto al 93’, con gli ascolani in 10 per l’espulsione di Astolfi all’83’. Impazzisce il Muzio Gallo e finalmente la Passatempese respira.

Ma novità potrebbero arrivare dal fronte mercato. Alcuni giocatori demotivati da una partenza ad handicap potrebbero essere tagliati e presumibilmente, viste le difficoltà mostrate fin qui, sarà l’attacco il reparto che Sabbatini e Staffolani cercheranno di rafforzare per evitare ulteriori sofferenze.

In testa sempre la Fermana inseguita dal Montegranaro, mentre nel girone settentrionale rallenta con uno 0-0 interno il SiroloNumana che mantiene comunque il primato.

Scivola sempre più nel baratro il Castelfidardo, ultimo con soli 3 punti, nonostante l’arrivo dell’argentino ex Osimana Cioffi. A questo punto sembra inevitabile una svolta. Partendo dalla panchina di Calcabrini.

In Prima Categoria si capovolge in meno di sette giorni la situazione delle due osimane. Se fino al derby pareva l’Osimo Stazione la squadra più quadrata, che aspirava a posizioni da vertice, ora, un po’ a sorpresa, è il San Biagio che vanta una miglior classifica: 9 punti a 8. Niente voli pindarici in casa biancorossa, perché l’obiettivo rimane la salvezza, mentre la locomotiva, falcidiata dagli infortuni in attacco, dovrà tornare sul mercato se vuole continuare a sognare i play-off.

Sabato i biancoverdi di Tubali hanno impattato a Castelfidardo, contro una Vigor senza allenatore. L’ex mister della Juniores dell’Osimana Mari è stato infatti esonerato durante la scorsa settimana e ora la Vigor si affiderà a Bartolini. La Stazione accoglie con un mezzo sorriso il punticino conquistato, perché se l’1-1 è arrivato in rimonta e solo con una punizione di Polzonetti, è anche vero che l’avversario era di quelli da battere, soprattutto perchè in un momento psicologico assai complicato.

Il San Biagio, sull’onda dell’entusiasmo per la vittoria nel derby del Bernacchia, batte anche la Bandoni Dorica e vola a 9 punti, a meno 2 dai play-off. Le reti messe a segno da Michele Pesaresi e al 3’ e Bulgarini all’83’ mandano in tilt gli anconetani di mister Amici. Incredibile: in 7 giorni da squadra materasso a squadra rivelazione. E sabato prossimo toccherà proprio a Tacchi testare la nuova Vigor Castelfidardo al Comunale vecchio.


Foto di Antonio Patani





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 ottobre 2007 - 1093 letture

In questo articolo si parla di





logoEV