Dall'8 al 14 ottobre Festival Internazionale della Fisarmonica a Castelfidardo

4' di lettura 30/11/-0001 -
Dall'8 al 14 ottobre concerti, spettacoli e decine di iniziative per un concorso storico, dedicato allo strumento che ha reso la città famosa in tutto il mondo, che dopo 32 anni cresce e si rinnova.

da Ufficio Stampa FIF


Il premio Fisarmonica di Castelfidardo riparte dalla 32esima edizione e cambia nella formula e nell'idea. Diventa Festival Internazionale Fisarmonica Castelfidardo – Fif – e si arricchisce di eventi e iniziative per avvicinare ancora di più il pubblico di appassionati e diffondere la conoscenza di questo strumento anche tra i giovani. Parola d'ordine: “incontro”, tra gli artisti internazionali, gli ospiti che animeranno le iniziative collaterali, i partecipanti al concorso, la città e le aziende, per riscoprire la tradizione delle fisarmoniche fidardensi e le mille possibilità espressive con cui si traduce in musica.

Il Festival è organizzato dal Comune di Castelfidardo, con la direzione artistica di Paolo Picchio, e da quest'anno in partnership con Ideazione Eventi, che ha curato le serate a cornice del concorso. Un percorso nella musica che da lunedì 8 a domenica 14 ottobre unirà diversi spazi nel centro della città con una sinfonia di iniziative, tutte gratuite.

“Dopo il decennale successo del concorso, quest'anno abbiamo compiuto un salto trasformando il premio in festival, con la volontà di arricchirlo di eventi e stimolare la partecipazione del territorio”, dichiara l'Assessore alla Cultura del Comune, Moreno Giannastasio. “A Castelfidardo la cultura viaggia di pari passo con il lavoro, grazie alle tante aziende di fisarmoniche, e anche per questo il festival è patrocinato sia dall'assessorato alla cultura che da quello alle attività economiche”.

“Il mio assessorato è anche divulgazione del territorio”, aggiunge l'assessore alle Attività Economiche Beniamino Bugiolacchi, “per questo sono fiero di avere in città la mostra Le Lucciole di Tonino Guerra, artista che spesso esprime il suo amore per la fisarmonica e che, per la sua celebrità, fa da testimone di questo strumento in tutto il mondo. Far crescere questa manifestazione contribuisce a promuovere la nostra città e a far fiorire le aziende di fisarmoniche, 34 in tutto il comprensorio per un fatturato totale 2006 di 32 milioni di euro e 600 addetti, tra produzione diretta e indotto, e tutte le attività economiche”, conclude.

“Il settore industriale della fisarmonica è stato fondamentale per lo sviluppo di Castelfidardo, ma anche di Osimo e Camerano, creando molte piccole e medie imprese che oggi sono il centro produttivo locale”, afferma Alberto Cascia, Direttore Generale della Cassa Rurale ed Artigiana S. Giuseppe – Credito Cooperativo Camerano, sponsor del festival. “L'industria della fisarmonica è ulteriore combustibile dello sviluppo economico marchigiano e il Festival Fisarmonica di Castelfidardo contribuisce a promuovere l'industria locale nel mondo”.

Concerti ogni giorno dalle 18:30 a mezzanotte, in tre spazi appositamente allestiti, il locale On Stage di via Soprani, il Nuovo Teatro Astra e l'area gestita da Beltuna Accordions in Corso Mazzini. Nel primo spazio ogni sera due eventi affidati alle aziende produttrici di fisarmoniche Pigini, Mengascini Nello, Bugari e Victoria. Musicisti da tutto il mondo e anche la proiezione (lunedì 8) del film “Pane e Tulipani” di Silvio Soldini con l'attrice Licia Maglietta, che sarà ospite in città sabato 13 per ricevere un premio voluto per lei dal Festival. Al Nuovo Teatro Astra si terranno le serate di gala e si toccheranno tutte le possibili declinazioni della fisarmonica, mentre lungo Corso Mazzini il marchio Beltuna Accordions festeggia il suo 25esimo anniversario con concerti ogni giorno.

Cuore del festival resta il concorso. Oltre 500 gli iscritti alle varie sezioni, jazz, musica leggera, classica, musica di Astor Piazzolla, musiche per film e orchestre. “Il nostro premio continua ad avere un grande successo”, dichiara Paolo Picchio, direttore artistico. “Non ci sono state flessioni nelle iscrizioni, come invece sta accadendo ad altri concorsi di musica. Partecipanti da oltre 25 paesi, culture e tradizioni che si traducono in altrettanti modi di interpretare la musica e la fisarmonica, dal folk al jazz alla musica sperimentale”.

Un popolo di artisti e un ricco programma per una settimana in musica, con cui Castelfidardo rende omaggio al suo figlio più illustre, la fisarmonica.

Programma del Festival





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 08 ottobre 2007 - 1788 letture

In questo articolo si parla di





logoEV