''Il Medico dei Pazzi'' stasera al Teatro La Nuova Fenice

30/11/-0001 -
La compagnia teatrale Diana Oris presenta stasera alle 21,15 al Teatro La Nuova Fenice: "Il Medico dei Pazzi" di Eduardo Scarpetta, regia di Carlo Giuffrè, con Carlo Giuffrè...

di Redazione


"Quest'anno metterò in scena un'altra commedia di Eduardo Scarpetta "Il Medico dei Pazzi" e certamente ci sarà ancora qualcuno che mi domanderà perché non recito teatro italiano e io naturalmente risponderò che lo faccio ormai da trenta anni.

Come, Scarpetta teatro italiano? Certo perché il teatro di Scarpetta fa parte della grande commedia dell'arte che è stata fonte del teatro universale; proviene dalle atellane: dalla fabula ridens, antica farsa di origine osca che fiorisce nel II secolo a.c. ad Atella, piccolo centro fra Capua e Caserta.

Poi c'è la commedia plautina e via via nasce la commedia dell'arte, nascono quei grandi comici che fecero dire a Moliere "devo tutto ai commedianti italiani" quando nel '600 quei comici andavano a recitare alla corte francese.

C'era Silvio Fiorillo grande Pulcinella; suo figlio Giovanni Battista che ebbe grande successo come primo zanni con la maschera di Trappolino; Tiberio Fiorilli che interpretava Scaramuccia. Questo e tanto altro era la commedia dell'arte che si svolgeva soprattutto fra la Campania e il Veneto (Pulcinella e Arlecchino). Questo nostro grande teatro a metà del '700 fu bloccato dall'avvento del melodramma, dell'opera buffa prima con Paisiello, Cimarosa, Mercadante e poi tutti gli altri che si affermavano a discapito del teatro di prosa.

Queste sono le due nostre grandi realtà: la commedia dell'arte e il melodramma. Più tardi dalla metà del '700 non ci furono più autori, non c'è piùdrammaturgia. L'800, come dice Silvio D'Amico, è un secolo buio. Da Goldoni a Pirandello passano due secoli …..


Carlo Giuffrè




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 febbraio 2007 - 950 letture

In questo articolo si parla di