Incontro alla Fondazione Buttari tra Antonelli e Spacca

30/11/-0001 -
“Siamo e vogliamo rimanere un fiore all’occhiello per la comunità locale”. Questo, nelle parole del presidente dell’Opera Pia “Grimani Buttari”, Romeo Antonelli, è uno degli obiettivi della casa di riposo osimana...

da Regione Marche
www.regione.marche.it


Romeo Antonelli, presidente dell’Opera Pia “Grimani Buttari”, ha accolto il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, e gli assessori regionali ponendo subito sul tavolo dell’incontro una serie di questioni scottanti e di estrema attualità.

La struttura offre servizi che sono al 70% di tipo sanitario. “Si tratta di un’attività – ha evidenziato Antonelli – riconosciuta a livello nazionale anche perché fa propri progetti che sono all’avanguardia. E’ un percorso che ci rende orgogliosi e che non vogliamo sia abbandonato. Vogliamo pertanto che venga pienamente riconosciuta la valenza sperimentale e scientifica di questa parte della nostra attività. Inoltre, dal 2005 esiste un servizio ambulatoriale per la riabilitazione e il recupero funzionale; un servizio che vorremmo avesse un accreditamento ufficiale”.

La prevalenza di servizi di tipo sanitario, ha portato Antonelli alla richiesta che la Casa di riposo “Grimani Buttari” sia considerata un centro di eccellenza per tutta la comunità e che quindi le sia attribuito il riconoscimento di RSA o di Unità speciale in particolare nel campo della cura e assistenza ai malati di Alzheimer.

Accanto a questo, una struttura di questo genere deve fare i conti con numerosi altri problemi, dalla questione delle rette alberghiere, all’aumento dei posti in dotazione, vista l’enorme richiesta di domande di assistenza.

Numerose richieste ed esigenze a cui il presidente Spacca ha risposto sottolineando come sia quanto mai corretta la necessità di integrazione dei servizi sociosanitari, come previsto dal prossimo Piano sociosanitario regionale.

“Quello odierno – ha detto Spacca – è un incontro particolarmente utile. Tra l’altro proprio oggi è stata approvata dalla Giunta qui riunita la proposta di riorganizzazione delle Ipab. I temi che sono stati posti sono stringenti e all’ordine del giorno per la Giunta regionale. Spero che col nuovo Piano socio sanitario si dia gran parte delle risposte ai problemi evidenziati in questa occasione”.

“Ma soprattutto – ha continuato Spacca – dalla visita di oggi alla Lega del Filo d’Oro e a questa e alle altre case di riposo di Osimo, è emerso il profilo della città che si qualifica e si distingue per i servizi offerti alla persona, attraverso strutture che esprimono una straordinaria sensibilità e che onorano tutta la nostra comunità”.

L’assessore regionale ai Servizi Sociali, Marco Amagliani, ha affermato che la Casa di riposo “Grimani Buttari” merita attenzione per l’attività che svolge anche in prospettiva di un pieno riconoscimento come RSA. Per l’assessore regionale alla Sanità, Almerino Mezzolani, “questa giornata ci aiuta a comprendere i bisogni che nascono nel nostro territorio e le enormi potenzialità che abbiamo. Sappiamo di essere la regione più longeva d’Italia e che questo comporta anche una maggiore attenzione al fenomeno dell’invecchiamento della popolazione e a ciò che ne deriva. Il problema è allora pensare a come distribuire bene le risorse, rendendo appropriati i servizi. E’ un percorso lungo che sarà materia del nuovo Piano sociosanitario”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 dicembre 2006 - 1024 letture

In questo articolo si parla di