SVE: Servizio Volontario Europeo, per giovani dai 18 ai 25 anni

30/11/-0001 -
Il programma SVE (Servizio Volontario Europeo) ha molte caratteristiche interessanti per chi desidera proporsi come volontario.

da eurocultura.it
www.eurocultura.it


L'esperienza del volontariato all'estero è una delle scelte migliori per cominciare a sperimentare la vita lontano dal proprio paese. Il programma SVE (Servizio Volontario Europeo) ha molte caratteristiche interessanti per chi desidera proporsi come volontario e, a partire dal 2007, sarà innovato.

Ai volontari (18-25anni) non è richiesta nessuna competenza specifica né alcuna conoscenza delle lingue straniere: faranno dei corsi all'arrivo. L'ente ospitante si aspetta, però, che i volontari forniscano un utile contributo. A tal fine potrebbe richiedere che i volontari posseggano determinate caratteristiche.

Ad esempio, se il progetto prevede l'introduzione di specie animale in un ambiente silvestre, potrebbe essere richiesto che non si abbia paura degli animali. Se assisterete neonati, dovete sapervela cavare con biberon e cambio pannolini. Se farete parte di un gruppo teatrale, vi sarà richiesto di parlare la lingua locale.

Tutti possono allora fare domanda e dunque tutti possono partire, ma non tutti sono adatti a svolgere un qualsiasi servizio. Individuare il progetto che faccia al caso di ciascun volontario non è cosa semplice né tanto meno veloce.

La fase dell'individuazione è infatti la più delicata ai fini di una buona riuscita del progetto. Generalmente questa fase richiede dai 3 e ai 6 mesi. Compito dell'organizzazione di invio è offrire tutta la propria esperienza e professionalità nell'assistere i volontari nella ricerca, ma nessuno potrà mai svolgerla senza il coinvolgimento dei diretti interessati.

Le destinazioni sono in Europa, ma non solo.

I settori d'intervento sono: ambiente, anziani, arte e cultura, comunità locale, consapevolezza europea, disabili, disoccupati, emarginazione sociale, emigrati, giovani e bambini, informazione per i giovani, lotta al consumo di droga, lotta al razzismo e alla xenofobia, media e comunicazioni, misure contro la delinquenza, pari opportunità, politiche giovanili, salute, senzatetto, sviluppo rurale, sviluppo urbano, tempo libero / sport, tutela del patrimonio.

La durata può variare da sei mesi a un anno.

Le condizioni in genere prevedono: -la formazione prima della partenza ed all'arrivo;
-il viaggio internazionale e i trasporti locali necessari per realizzare il progetto;
-il vitto e l'alloggio;
-un pocket money mensile per le proprie spese personali;
-il Certificato Europeo che attesta la partecipazione al programma.

l'Agenzia Nazionale Italiana Gioventù (www.gioventu.it) è l'ente governativo italiano responsabile dello SVE. Sullo stesso sito si trova la lista degli enti d'invio.

Qui segnaliamo i siti di alcuni che operano a livello nazionale:
www.lunaria.org
www.afsai.it
www.sci-italia.it
www.xena.it





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 dicembre 2006 - 1168 letture

In questo articolo si parla di politiche giovanili, eurocultura


Anonimo

11 gennaio, 17:26
Commento sconsigliato, leggilo comunque