VO aderisce allo sciopero proclamato dalla Federazione della Stampa

30/11/-0001 -
Di seguito le modalità degli scioperi proclamati dalla Federazione della Stampa per i prossimi giorni. ''Tra i diritti primari che si devono riconoscere ai giornalisti c'è quello ad avere un contratto di lavoro regolarmente rinnovato''. Lo ha detto Giorgio Napolitano, alla cerimonia al Quirinale per il Premio Saint Vincent.

di Redazione


La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:

Riportiamo di seguito le modalità degli scioperi proclamati dalla Federazione della Stampa per i prossimi giorni.

I giornalisti dei quotidiani si asterranno dal lavoro nelle giornate di venerdì 29 settembre e sabato 30 settembre per impedire la pubblicazione dei quotidiani nelle giornate di sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre.

I giornalisti delle agenzie di stampa, dei service, delle strutture sinergiche nazionali e locali, dei giornali telematici, dei siti web e dei portali internet si asterranno dal lavoro dalle ore 7,00 di venerdì 29 alle ore 7,00 di domenica 1° ottobre.

I giornalisti freelance, i collaboratori, i corrispondenti e i giornalisti degli uffici stampa pubblici e privati si asterranno dal lavoro per le intere giornate di venerdì 29 e sabato 30 settembre.

Le modalità degli scioperi dei quotidiani, delle agenzie e dei siti web programmati per il 5 e 6 ottobre saranno diffuse nei prossimi giorni.

I giornalisti dei periodici si asterranno dal lavoro per un numero di giornate sufficiente a impedire l'uscita in edicola dei numeri la cui chiusura in redazione è programmata a cavallo tra la fine di Settembre e l'inizio di Ottobre.

I giornalisti delle testate a periodicità più che settimanale (quindicinali, mensili etc.), in cui l'organizzazione e i tempi del lavoro rendono difficile impedire l'uscita in edicola, potranno sostenere la vertenza contribuendo al Fondo di Solidarietà Sindacale della FNSI o, laddove esistano, ai fondi di solidarietà aziendale. Resta in vigore lo stato di agitazione.

I giornalisti dell’emittenza radiotelevisiva nazionale pubblica e privata, in adempimento delle disposizioni sulla regolamentazione degli scioperi nei servizi pubblici essenziali, attueranno due giornate di sciopero il 6 e 7 ottobre, e altre due giornate il 24 e 25 ottobre.

Non sono previste deroghe di alcun tipo.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 ottobre 2006 - 954 letture

In questo articolo si parla di


matteo2004

30 settembre, 01:18
Io non ho capito perché scioperate.




logoEV