La poesia di Heaney e le melodie della terra celtica a 'eQuilibri'

1' di lettura 30/11/-0001 -
Terzo appuntamento con "eQuilibri – lingue e linguaggi della contemporaneità" domani al Teatrino Campana di Osimo con la serata dedicata al poeta irlandese Seamus Heaney. Inizio spettacolo ore 21,15. Ingresso € 5, compresa degustazione di vini.

di Redazione


Atttraverso un percorso di lettura e musica a ‘eQulibri’ si darà voce al sentimento poetico di Seamus Heaney, drammaturgo, traduttore, critico e poeta irlandese nato nel 1939 nell'Ulster da una famiglia cattolica.

Professore di retorica e oratoria all’università di Harvard, nel 1989 vinse la cattedra di poesia a Oxford. Nobel nel 1995, viene considerato un esponente del regionalismo letterario, con un forte richiamo alle tradizioni, alla terra, ai miti delle origini.

Alla sua opera prima Death of a Naturalist (1966) seguirono Door into the dark (1969), Wintering out (1972), North (1975). E ancora Field work (1979), Station Island (1984). Del 1991 è Seeing things, in cui è un ritorno vigoroso alla fisicità, alla venatura e alla fibra stessa del mondo.

La serata avrà come ospite Luca Guerneri traduttore di narrativa e saggistica per diverse case editrici. Da alcuni anni si occupa di poesia inglese contemporanea sia come critico che come traduttore. Attualmente sta lavorando all'ultimo libro di Seamus Heaney, Electric Lights per lo Specchio Mondadori e a un'antologia di McKendrick per Donzelli.

La serata sarà accompagnata dal suono delle arpe celtiche di Lucia Galli e Serena Gasparini.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 aprile 2006 - 1068 letture

In questo articolo si parla di





logoEV