L'Università a Jesi presso il Palazzo dei Convegni

30/11/-0001 -
Sorgeranno al primo piano di palazzo dei Convegni la biblioteca e l’aula magna dell’Università.

dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it


Una collocazione prestigiosa che valorizza l’edificio delle ex poste e contribuisce a qualificare ulteriormente un ateneo che - giunto al nono anno di vita - vanta quasi 600 iscritti distribuiti nei vari corsi organizzati con la Politecnica di Ancona e l’Università di Macerata.
I lavori, per un importo di circa 200 mila euro, sono già partiti e la Fondazione Colocci, che gestisce l’università a Jesi, conta di inaugurare aula magna e biblioteca entro la prossima primavera.
Si tratta di un intervento particolarmente significativo che mira al consolidamento dei solai e ad una serie di lavori edilizi e impiantistici che possano rendere il piano pienamente funzionale alle attività deputate. Il tutto viene finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi che ha sottoscritto il relativo contratto di sponsorizzazione con l’Amministrazione comunale.

L’intervento si inquadra nell’ambito del progetto di ristrutturazione complessivo dell’ex Cuppari, l’edificio individuato per ospitare l’università. Un progetto che, partito ormai da circa un anno, ha già visto il rifacimento del tetto e che comprende anche la sistemazione delle facciate sia nel lato di via Angeloni, sia in quelle di corso Matteotti e dunque su palazzo dei Convegni il cui primo piano è annesso all’ex Cuppari. Aula magna e biblioteca arricchiranno i servizi dell’ateno jesino che sta continuando a registrare positivi consensi, a conferma della validità di una iniziativa avviata con coraggio nel dicembre 1995 da Comune di Jesi, Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Banca delle Marche e Banca Popolare di Ancona riuniti nella Fondazione Colocci.

A questi soci fondatori, nel corso degli anni si sono aggiunti altri partner pubblici e privati con l’obiettivo comune di realizzare una università a sostegno dello sviluppo economico e culturale del territorio, contribuendo così ad elevare l’offerta di servizi e di strutture formative in stretto collegamento con il tessuto socio-economico locale. L'idea di fondo che guida l'attività della Fondazione è quella di realizzare strutture e progettualità nel campo universitario, nel campo della formazione professionale, nel campo della ricerca e della diffusione e promozione della cultura in senso lato. Nostro obiettivo è quello di favorire l'insediamento nella città di strutture universitarie e para universitarie nell'intento di garantire ai giovani, al sistema imprenditoriale e a quello pubblico programmi ed interventi per la formazione e la valorizzazione delle risorse umane, nonché di concorrere a realizzare attività ed iniziative di ricerca, di studio, e di valorizzazione del patrimonio culturale.

Tra l’altro, la crescente disponibilità dell’imprenditoria a collaborare con il sistema formativo pubblico e privato sta alimentando la richiesta di percorsi formativi nuovi, a livello universitario intermedio e post-universitario, in grado di rappresentare un vero e proprio terreno di confronto fra cultura accademica e cultura d’impresa, un laboratorio di professionalità e di conoscenze e competenze qualificate capaci di divenire un elemento di traino delle imprese e al contempo assicurare un’elevata possibilità occupazionale ai giovani.




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 dicembre 2005 - 968 letture

In questo articolo si parla di